L'ORTOPEDIA DEL PVA
                                                                                           


Presso il Poliambulatorio Veterinario Argentina vengono effettuati interventi ortopedici per la riduzione di fratture tramite impianti di fissazione interni (placche e viti, placche ad angolo bloccato, chiodi bloccati) ed esterni (fissatori esterni, circolari e ibridi), in modo da poter affrontare ogni situazione nel modo più adeguato, riducendo le complicanze e migliorando la prognosi.



Vengono inoltre affrontate la diagnosi e la terapia medica e chirurgica delle principali patologie scheletriche dell'accrescimento del cane quali la diasplasia dell'anca, la displasia del gomito, la lussazione rotulea, la necrosi asettica della testa del femore, le deformità assiali degli arti.


La clinica offre la possibilità di effettuare le radiografie per la lettura ufficiale della displasia dell'anca e del gomito


                                                                                                                                                                                                                                                                                                                             
                                                  
DISPLASIA DI GOMITO
                                                                                                                       



La displasia del gomito è una sindrome che colpisce i cani in accrescimento causata da una o più delle seguenti patologie: frammentazione del processo coronoideo (FCP), osteocondrite dissecante (OCD), mancata unione del processo anconeo (UAP), incongruità articolare, e ha come estrema conseguenza l'insorgenza di artrosi.


Si riscontra prevalentemente in cani di taglia media e grande ed è una frequente causa di zoppia dell'arto anteriore.

Nelle razze predisposte una visita ortopedica e un'indagine radiografica in sedazione tra i 4 e i 6 mesi di età consente in molti casi di individuare i segni precoci della malattia.

                                     



Nei casi dubbi può essere d'ausilio approfondire con una diagnostica avanzata (TC),
La terapia medica è riservata a casi selezionati con grado di displasia basso, mentre nella maggior parte dei casi un approccio chirurgico precoce è quello che consente i migliori risultati.
La prognosi è eccellente nei casi trattati precocemente, prima dell'insorgenza dei fenomeni artrosici, può essere da eccellente a buona nei soggetti in accrescimento che presentano fenomeni artrosici iniziali lievi, ed è riservata negli adulti e nei giovani con fenomeni artrosici evidenti.

                                                                                                                                                                                                                                                                             



                                                 
TRAUMATOLOGIA
                                                                                 
 
                                    
 
L'ortopedia traumatologica si occupa di affrontare i danni all'apparato muscolo scheletrico conseguenti a traumi di vario tipo.
Nei nostri animali le cause più frequenti di trauma sono gli investimenti automobilistici e le cadute dall'alto, ma anche aggressioni da parte di altri animali, colpi da armi da fuoco o da taglio e percosse possono provocare fratture o rotture di muscoli e tendini.

Ogni paziente traumatizzato ha una sua storia e necessita di un approccio interdisciplinare che prenda in considerazione la tipologia e la gravità del danno subito, l'età e le condizioni cliniche del paziente, le sue abitudini di vita.

 


                                           


I progressi nel campo dell'ortopedia veterinaria ci consentono ormai di scegliere tra diverse possibilità per la stabilizzazione delle fratture e, oltre alle convenzionali placche DCP (Dynamic Compression Plate) e i fissatori esterni lineari, sono ormai a disposizione del chirurgo veterinario placche ad angolo bloccato, chiodi bloccati, fissatori circolari (Ilizarov) e ibridi.

La scelta della giusta tecnica chirurgica oltre che adeguate cure pre e post operatorie sono condizioni essenziali per il successo terapeutico. La possibilità di ricoverare e di monitorare il paziente con attenzione e costanza, inoltre, consente di affrontare molte delle complicanze che si accompagnano al trauma.


                                                                                                                                                                                                                                                                                                                           
 
 




                                                                                                                                                           
ROTTURA DEL LEGAMENTO CROCIATO ANTERIORE
                                                                                                                                                                                                                        
 
 
La rottura del legamento crociato anteriore è la causa più comune di zoppia dell'arto posteriore nel cane. Ne sono affetti principalmente cani di taglia grande e gigante, ma si può riscontrare anche in soggetti di taglia media e piccola. Può essere dovuta a un trauma acuto in cani non predisposti o, più frequentemente, conseguente a una degenerazione cronica in animali predisposti. La rottura, totale o parziale, del legamento determina una instabilità in senso cranio-caudale e rotazionale del ginocchio, una conseguente risposta infiammatoria dell'articolazione e, sul medio e lungo periodo, l'instaurarsi di fenomeni degenerativi a carico dell'articolazione del ginocchio (artrosi).
 
Clinicamente i soggetti colpiti presentano una zoppia da moderata a intensa fino alla sottrazione totale dell'arto all'appoggio, dolore alla flessione e estensione del ginocchio, gonfiore dell'articolazione interessata. Radiograficamente è possibile valutare i segni indiretti dell'instabilità articolare (artrosi) e il segno del grasso del ginocchio. In alcuni casi di rottura traumatica, soprattutto nei giovani, è possibile vedere il distacco dell'inserzione ossea del legamento.
La diagnosi vine confermata con la valutazione, nel paziente in sedazione, dell'instabilità articolare tramite i test del cassetto e della compressione tibiale.
     

  .
 

 
La terapia è perlopiù chirurgica, sebbene alcuni soggetti selezionati possano beneficiare della terapie medica, e consiste nel ripristino di una corretta biomeccanica del ginocchio che impedisca lo scivolamento in avanti della tibia durante il carico.
A oggi interventi di osteotomia correttiva quali TTA (Tibial Tuberosity advancement) e TPLO (Tibial Plateau Leveling Osteotomy) sono considerati il gold standard nel trattamento di questa affezione e consentono un adeguato ripristino della funzionalità dell'arto anche in cani da lavoro o sportivi.


                                                                                                                                                                                                                                                                                 



                                                                  
DISPLASIA DELL'ANCA
                                                                                        


La displasia dell'anca è una frequente affezione del cane in accrescimento che colpisce principalmente cani di taglia grande e gigante, ma che può essere anche riscontrata in soggetti di taglia media e piccola e in gatti di determinate razze.
L'eziologia è multifattoriale e sembra comprendere fattori genetici e ambientali. I soggetti colpiti presentano instabilità dell'articolazione coxo-femorale col conseguente instaurarsi di fenomeni infiammatori e degenerativi.
I cani con malattia conclamata presentano algia alla manipolazione dell'articolazione, riduzione dell'ampiezza del movimento (ROM) dell'anca, ipotrofia muscolare del treno posteriore, riluttanza a salire le scale, saltare o salire in macchina. Caratteristica è l'andatura nella corsa detta a "salto di coniglio".
In alcuni casi è possibile percepire la sublussazione del femore durante l'andatura a passo.
Una volta iniziati i fenomeni artrosici la malattia diventa cronica e progressiva.





Il riconoscimento precoce delle condizioni predisponenti, quali la lassità articolare, consente di adottare le contromisure terapeutiche necessarie a prevenire l'insorgere della patologia degenerativa articolare.
In alcune razze predisposte una visita clinica e radiografica con l'animale in anestesia generale, a 4 e 6-8 mesi di età, può consentire di individuare cani potenzialmente soggetti alla malattia che possono trarre giovamento da interventi di chirurgia preventiva se trattati tempestivamente: Sinfisiodesi pubica, TPO (Triplice Osteotomia Pubica), DPO (Duplice Osteotomia Pubica), unici in grado di prevenire i fenomeni degenerativi.

 



Il primo consiste nel chiudere la fisi di accrescimento pubica in modo da promuovere una crescita del coxale che consenta una maggiore copertura della testa del femore da parte dell'acetabolo. Un attento esame del paziente oltre che dello stadio clinico della patologia e dei tempi di accrescimento scheletrico sono alla base del successo di questo approccio precoce, in grado di stabilizzare l'articolazione e di prevenire quindi l'insorgere della displasia.
La DPO e la TPO sono invece un interventi più tardivi ma comunque preventivi che consistono in osteotomie del bacino volte ad aumentare la copertura acetabolare cambiando la sua angolazione. Anche con questo approccio è possibile impedire l'instaurarsi della malattia, a condizione di attenersi a precise regole di selezione del candidato chirurgico.
Con alcuni animali predisposti riconosciuti precocemente è possibile intraprendere un percorso medico conservativo basato su fisioterapia, controllo del peso, un'attività fisica  che non esponga l'articolazione dell'anca a stress e traumatismi, in modo da raggiungere la maturità scheletrica promuovendo la stabilità del comparto coxo-femorale e la tonicità muscolare.

Una volta raggiunto l'accrescimento scheletrico difficilmente è possibile intervenire con interventi di chirurgia preventiva, e l'unica terapia curativa possibile è la sostituzione dell'articolazione malata tramite protesi totale di anca o artroplastica escissionale della testa del femore.
La terapia medica conservativa è palliativa e consiste nel tentativo di controllare il dolore articolare, promuovere la mobilità dell'articolazione e mantenere la tonicità muscolare


                                                                                                                                                                                                                                                                                  

 

                                                                                                                                                                                                                

DIAGNOSI UFFICIALE DELLE PATOLOGIE SCHELETRICHE DELL'ACCRESCIMENTO

                                                                                                                                                                                                                                                                                                              

Presso il PVA è possibile effettuare le radiografie per la lettura ufficiale della  Displasia dell’Anca e del Gomito e per la valutazione della Lussazione della Rotula e della Necrosi Asettica della Testa del Femore.
 


La prevenzione di queste patologie ereditarie è alla base della tutela del benessere animale e rappresenta il primo passo per rendere possibile il miglioramento delle razze.

I medici del Poliambulatorio Veterinario Argentina sapranno informarvi e consigliarvi riguardo l'oppotunità di eseguire una determinata indagine in relazione alla tipologia di cane

Cosa è l'FSA?

La FSA è una istituzione con sede a Cremona creata dalla SCIVAC (Società Culturale Italiana Veterinari Animali da Compagnia).

La FSA promuove controlli al fine di ridurre le malattie ereditarie del cane, quali: malattie scheletriche, oculari, cardiovascolari, nervose, oncologiche e malattie del sangue. In particolar modo è la sede della Centrale di Lettura Ufficiale per le displasie dell'anca e del gomito del cane, con accreditamento nazionale da parte dell'ENCI ed internazionale da parte del GRSK (Gesellschaft fur Rontgendiagnostik genetisch beeinflusster Skeletterkrankungen bei Kleintieren e.V. . organizzazione che riunisce i lettori ufficiali dei principali paesi europei, sotto l'egida della VDH, kennel club tedesco); la Centrale di lettura collabora con l'ENCI, le Società Cinofile e i medici veterinari.

http://www.fondazionesaluteanimale.it/